Skip to main content

Perfettivo o imperfettivo? Questo è il dilemma…

17/02/2024

Benvenuti, amanti della lingua serba e curiosi linguistici!
Oggi vi porto in un’avventura affascinante attraverso uno degli aspetti più intriganti e, diciamolo, un po’ sfuggenti della lingua serba: la coppia aspettuale dei verbi.

Preparatevi a un viaggio che vi farà scoprire come un concetto apparentemente complesso possa arricchire il nostro modo di esprimerci in serbo e, perché no, farci vedere la nostra lingua madre sotto una nuova luce.

OGGI ESPLORIAMO:

Che cosa è la coppia aspettuale?

In serbo, ogni verbo può presentarsi sotto due aspetti: imperfettivo e perfettivo.
Questo non riguarda il tempo in cui un’azione si svolge (passato, presente, futuro), ma piuttosto come l’azione si svolge.

L’aspetto imperfettivo descrive un’azione che è generica, ripetitiva, abituale, continua o non conclusa.


Al contrario, l’aspetto perfettivo si focalizza su azioni complete, definite, che hanno raggiunto il loro obiettivo.

Esempi alla mano

Per capirlo meglio, prendiamo due verbi molto usati: “pisati” (scrivere) in forma imperfettiva e “napisati” in forma perfettiva.

Se dico “Ja pišem pismo” (io sto scrivendo una lettera), uso la forma imperfettiva per indicare che l’azione è in corso e non si sa quando finirà.

Se invece dico “Ja sam napisao pismo” (io ho scritto una lettera), uso la forma perfettiva per mostrare che l’azione è completa; la lettera è finita e pronta per essere spedita.

La sfida per gli italiani

Per noi italiani, questo concetto può essere un po’ strano all’inizio, dato che in italiano l’aspetto verbale non è così marcato.

Tuttavia, possiamo trovare dei parallelismi interessanti se ci sforziamo un po’. Immaginate di avere due verbi: “scrivere” per l’aspetto imperfettivo e “comporre” per quello perfettivo.

Mentre “io scrivo una lettera” può indicare che sono nel processo di scriverla senza specificare se e quando la finirò, “io compongo una lettera” potrebbe implicare che mi siedo, scrivo la lettera dall’inizio alla fine e la termino in una sessione.

La coppia aspettuale alla italiana?

Se volessimo trasporre questo concetto in italiano, potremmo pensare a qualcosa di simile a “guardare” vs “vedere”.

“Guardo un film” potrebbe suggerire che mi sto dedicando all’azione senza un fine preciso, magari interrompendomi; “vedo un film” potrebbe suggerire che ho visto il film dall’inizio alla fine, completando l’azione.

Non è una corrispondenza perfetta, ma aiuta a cogliere l’essenza della distinzione tra imperfettivo e perfettivo.

Perché è importante?

Capire la coppia aspettuale può fare una grande differenza nel modo in cui usiamo il serbo.

Non solo ci permette di esprimere con precisione il nostro pensiero, ma ci aiuta anche a comprendere meglio le sfumature dei testi che leggiamo o delle conversazioni che ascoltiamo.

È una chiave per aprire nuove porte nella comprensione e nell’uso della lingua serba.

Spero che questo breve viaggio nella coppia aspettuale dei verbi serbi vi abbia entusiasmato e, soprattutto, reso più chiaro questo aspetto fondamentale della lingua.

Con un po’ di pratica, attenzione e pazienza, presto si potrà giocare con i verbi serbi, alternando tra azioni completate e processi in corso, arricchendo così il discorso e la comprensione.

Ricordiamo: ogni volta che ci imbattiamo in un verbo serbo, chiediamoci: è un’azione finita o no; voglio esprimere il concetto di azione finita o no? La risposta ci guiderà alla scelta dell’aspetto corretto.

Il nostro esperto

Erika Inversi

Onironauta, Ricercatrice, Blogger. Fondatrice di SerbiaFacile.com

Articoli Popolari