Skip to main content

L’Origine e l’Influenza Storica dell’Alfabeto Cirillico Serbo

25/08/2023

L’alfabeto cirillico, conosciuto anche come Ćirilica (Ciriliza pronunciato in italiano), è un sistema di scrittura che ha giocato un ruolo fondamentale nella storia e nella cultura dei popoli slavi.

La sua nascita è avvolta in un’atmosfera di intrecci tra fede, cultura e linguaggio.

Nel contesto della Serbia, l’alfabeto cirillico ha svolto un ruolo chiave nel preservare l’identità culturale e religiosa, servendo come ponte tra il passato e il presente.

INDICE

Le Origini dell’Alfabeto Cirillico

L’alfabeto cirillico serbo prende il nome da San Cirillo, uno studioso e missionario bizantino del IX secolo. Assieme a suo fratello Metodio, Cirillo è stato incaricato di diffondere il Cristianesimo presso i popoli slavi.

Tuttavia, per farlo, dovevano trovare un modo per tradurre testi sacri nelle lingue locali. In risposta a questa sfida, i due fratelli crearono un nuovo sistema di scrittura basato su elementi dal greco e da altre lingue

L’obiettivo principale era rendere l’insegnamento religioso più accessibile alle popolazioni slavi. Attraverso l’adattamento e la creazione di nuovi caratteri, l’alfabeto cirillico venne sviluppato come uno strumento di unione culturale e di comunicazione tra gruppi diversi.

Sebbene non fosse originariamente destinato alla Serbia, questo alfabeto avrebbe avuto un impatto significativo sulla regione balcanica.

L’Alfabeto Cirillico e la Storia Serba

Nel corso dei secoli, l’alfabeto cirillico ha trovato un posto di rilievo nella storia serba. Uno dei momenti cruciali è stato l’adozione dell’ortodossia orientale come religione di stato durante il regno di Stefano Nemanja nel XII secolo.

Questo ha portato all’adozione dell’alfabeto cirillico per la scrittura dei testi religiosi, consentendo la diffusione dell’insegnamento religioso in lingua serba e il rafforzamento dell’identità culturale.

Durante l’occupazione ottomana, l’alfabeto cirillico ha svolto un ruolo ancor più significativo. Mentre i turchi cercavano di sopprimere l’identità slava, l’alfabeto cirillico si è rivelato un prezioso strumento di resistenza culturale.

Attraverso la scrittura e la diffusione di testi religiosi, la Serbia è riuscita a mantenere viva la sua identità nonostante le avversità

La Rinascita Culturale

Con il risveglio culturale nel XIX secolo, noto come “Risorgimento serbo”, l’alfabeto cirillico ha svolto un ruolo centrale nella rinascita dell’identità nazionale.

Scrittori, poeti e intellettuali serbi hanno utilizzato l’alfabeto cirillico per diffondere idee di indipendenza e riaffermare la ricchezza della cultura serba.

Questo periodo ha visto la creazione di opere letterarie e artistiche di grande importanza, molte delle quali sono sopravvissute fino ai giorni nostri.

L’Alfabeto Cirillico Oggi

L’alfabeto cirillico è rimasto un pilastro della cultura serba anche dopo l’indipendenza del paese nel XIX secolo. È ampiamente utilizzato in vari contesti, tra cui la scrittura di testi letterari, religiosi, amministrativi e molto altro.

È una parte integrante dell’identità nazionale e culturale, un legame tangibile con il passato e un mezzo per preservare la lingua e la storia serbe.

Oggi, la Ćirilica è insegnata nelle scuole serbe e resta un segno distintivo della cultura del Paese. E mentre il mondo si evolve, l’alfabeto cirillico continua a essere un testimone silenzioso della tenacia e della resilienza del popolo serbo attraverso i secoli.

Con il passare del tempo, l’alfabeto cirillico rimane un simbolo carico di significato, collegando le generazioni attuali a un patrimonio culturale ricco e intramontabile.

Il nostro esperto

Erika Inversi

Onironauta, Ricercatrice, Blogger. Fondatrice di SerbiaFacile.com

Articoli Popolari