Skip to main content

Le feste nazionali serbe

30/05/2024

Se c’è una cosa che ho imparato vivendo in Serbia, è che le feste nazionali serbe sono autentiche esplosioni di cultura, storia e tradizione.

Ogni celebrazione offre un viaggio nel tempo, un’occasione per onorare l’eredità del passato e rafforzare i legami comunitari che rendono la Serbia così speciale.

Scopriamo insieme l’anima vibrante di questo incredibile paese attraverso le sue feste nazionali.

OGGI ESPLORIAMO:

Oggi esploriamo alcune delle più importanti feste nazionali serbe, chiariamo la differenza tra il calendario gregoriano e quello giuliano, e spieghieamo perché le feste nazionali serbe non le Slave.

Capodanno (Nova Godina) | 31 dicembre e 13 gennaio

Il Capodanno è una delle feste nazionali serbe più celebrate, ma la particolarità della Serbia è che questa festa si celebra due volte: il 31 dicembre secondo il calendario gregoriano e il 13 gennaio secondo il calendario giuliano, noto come “Capodanno serbo” o “Capodanno ortodosso”.

Anno nuovo (Nova Godina) – 1 gennaio

Il 1 gennaio, la Serbia, come molti altri paesi, festeggia l’inizio del nuovo anno secondo il calendario gregoriano. Questo giorno è segnato da celebrazioni vivaci in tutto il Paese.

Le famiglie si riuniscono per cenare insieme, condividendo piatti tradizionali e brindando al nuovo anno.

Le strade delle città si illuminano di fuochi d’artificio, concerti e feste che durano tutta la notte. È un momento di gioia e speranza, in cui le persone esprimono i loro desideri per l’anno a venire.

Nuovo Anno Ortodosso (Srpska Nova Godina) – 14 gennaio

Due settimane dopo, il 13 gennaio notte e il 14 gennaio, si celebra il Capodanno ortodosso secondo il calendario giuliano. Questa seconda celebrazione è altrettanto importante e rappresenta un momento di festa e tradizione.

La notte del 13 gennaio, le città serbe si animano con concerti dal vivo di musica tradizionale, balli e celebrazioni che riuniscono le comunità.

Anche in questa occasione, le famiglie si riuniscono per cenare insieme, ma l’atmosfera è spesso arricchita da elementi culturali che riflettono l’eredità storica della Serbia. I serbi partecipano a funzioni religiose e pregano per la salute e la prosperità nel nuovo anno.

Differenze tra le due celebrazioni

Mentre il Capodanno del 31 dicembre è caratterizzato da festeggiamenti pubblici, il Capodanno ortodosso del 14 gennaio, preceduto dalla vivace notte del 13 gennaio, combina la festività con un profondo senso di tradizione.

Entrambi i giorni sono feste nazionali serbe che riflettono l’unione tra tradizione e modernità, mostrando la capacità del popolo serbo di celebrare la propria identità culturale e religiosa in modo unico e significativo.

Natale Ortodosso (Božić) | 7 gennaio

Una delle feste nazionali serbe più sentite è il Natale Ortodosso, celebrato il 7 gennaio.

Questo avviene perché la Chiesa ortodossa serba segue il calendario giuliano, che è in ritardo di 13 giorni rispetto al calendario gregoriano.

Le celebrazioni includono una cena festiva la vigilia di Natale, nota come “Badnje Veče”, e il giorno successivo la famiglia partecipa alla messa natalizia.

Giorno della Repubblica (Dan Državnosti) | 15-16 febbraio

Il Giorno della Repubblica è una delle feste nazionali serbe più importanti, celebrata il 15 e 16 febbraio.

Questa festa commemora la prima insurrezione serba contro l’Impero Ottomano nel 1804 e la proclamazione della prima Costituzione serba nel 1835.

È un periodo di grande orgoglio nazionale, con eventi ufficiali e celebrazioni in tutto il paese.

Giorno del Lavoro (Praznik Rada) | 1 maggio

Il Giorno del Lavoro, celebrato il 1 maggio, è un’altra festa nazionale serba di rilievo. Come in molti altri paesi, questo giorno è dedicato ai lavoratori e ai loro diritti.

Le famiglie spesso trascorrono il giorno all’aperto, organizzando pic-nic e partecipando a eventi comunitari.

Giorno dell’Armistizio (Dan Primirja) | 11 novembre

Il Giorno dell’Armistizio, celebrato l’11 novembre, commemora la fine della Prima Guerra Mondiale.

È una delle feste nazionali serbe più solenni, durante la quale vengono ricordati i caduti in guerra e si tengono cerimonie ufficiali in memoria di coloro che hanno sacrificato la propria vita per la patria.

Calendario gregoriano vs calendario giuliano

Le feste nazionali serbe sono influenzate sia dal calendario gregoriano che da quello giuliano. Il calendario gregoriano, introdotto da Papa Gregorio XIII nel 1582, è il calendario civile utilizzato oggi nella maggior parte del mondo.

Il calendario giuliano, introdotto da Giulio Cesare nel 46 a.C., è ancora utilizzato dalla Chiesa ortodossa serba per determinare le date delle principali feste religiose.

Questo porta a una discrepanza di 13 giorni tra le date delle celebrazioni religiose ortodosse e quelle del calendario civile.

Le feste nazionali serbe non sono le Slave

È importante notare che le feste nazionali serbe non sono le Slave.

Mentre le feste nazionali sono celebrazioni pubbliche riconosciute dallo stato e commemorano eventi storici o culturali di importanza nazionale, le Slave sono celebrazioni familiari di santi patroni, specifiche di ogni famiglia serba ortodossa.

Le Slave hanno un significato profondamente personale e spirituale, mentre le feste nazionali serbe hanno un significato più ampio e pubblico.

Le feste nazionali serbe offrono uno sguardo affascinante sulla storia e la cultura di questo paese. Attraverso queste celebrazioni, i serbi mantengono viva la memoria del loro passato e rafforzano i legami comunitari.

Che si tratti di accogliere il nuovo anno, celebrare la nascita di Cristo o onorare la lotta per l’indipendenza, ogni festa nazionale serba è un’occasione per riflettere, festeggiare e guardare al futuro con speranza e orgoglio.

Il nostro esperto

Erika Inversi

Onironauta, Ricercatrice, Blogger. Fondatrice di SerbiaFacile.com

Articoli Popolari