Skip to main content

Grazie a Dio sono un tulipano!

Lala, il tulipano

La Vojvodina (una regione del nord della Serbia), dopo un variopinto percorso storico-culturale e il dominio dell’impero ottomano, nel XVII secolo fu annessa nel possedimento di Asburgo e nel 1748 fu dichiarata ,dall’Imperatrice Maria Teresa, città reale libera.

INDICE

Come è divisa la Vojvodina

Aree della Vojvodina in Serbia

La Vojvodina era divisa in 4 aree: Bačka, Syrmia (ora Srem), Mačva e Banat (cerchiata in rosso sulla immagine a fianco) tutte separate geograficamente da due fiumi: il Danubio e il Tisa e il Sava che separa Srem da Mačva.

Ogni zona aveva naturalmente le proprie tradizioni, costumi e abiti caratteristici.

Immagini a confronto: influenze dei vari domini sugli abiti tradizionali

A Banat gli uomini indossavano comodi camicione e pantaloni bianchi con un gillet corto di colore nero. Su di essi ricamati a mano, fiori colorati.

Nella immagine 1 si possono vedere le influenze dei vari domini sugli abiti tradizionali mentre nella immagine 2 sono a confronto tre abiti di 3 aree diverse della Vojvodina riguardanti lo stesso periodo storico.

IMMAGINE 1.
Abiti tradizionali della Vojvodina
IMMAGINE 2.
Abiti tradizionali delle zone: Srem, Banat e Bačka

Come è nato il termine Lala

Una storia narra che un bel giorno l’imperatrie Maria Teresa trovandosi in visita proprio a Banat, notò degli uomini passeggiare lungo la riva del fiume Tisa.

Non sapendo il nome degli abitanti ma volendosi rivolgere a loro per un saluto, decise di soprannominarli Lala ossia Tulipano per via dei richiami fioriti multicolore sui loro abiti lunghi e bianchi.

Da allora il nome Lala contraddistingue in un primo momento gli abitanti di Banat e successivamente si estese a tutti gli abitanti della Vojvodina.

Bogu fala što sam Lala.

I Novisadesi vanno fieri del loro soprannome Lala tanto che c’è una frase popolare che recita:

Bogu fala što sam Lala.

Questa frase significa letteralmente: grazie a Dio che sono un Tulipano.
La parola fala nella frase sta per hvala (grazie) ma nel parlato di strada spesso si pronuncia / fala /.

BIBLIOGRAFIA E FONTI
immagine 1
immagine 2

Erika Inversi

Fondatrice di serbiafacile.com Ricercatrice, Blogger, Onironauta. Cyberattivista di Greenpeace.

I contenuti di questa pagina sono protetti da diritto d'autore e pertanto non possono essere copiati.